La ricetta che segue è a cura di mia madre, io mi sono permessa solo di farcire questa soffice bontà.
La Chiffon Cake è difficile da dimenticare, dopo averla provata per la prima volta si sente il bisogno di rifarla ancora, ancora e ancora. E' la quintessenza della leggerezza e secondo il mio modestissimo parere, è perfetta con la marmellata e ricoperta semplicemente di glassa.
A parte la buona volontà, bisogna armarsi anche di una teglia particolare coi bordi altissimi, la teglia specifica per chiffon e angel cake insomma! Eccola qui.
Con Le Tortine inoltre collabora Vis Specialità dalla Valtellina ed io mi sono subito tuffata nella buonissima marmellata alle arance amare!

Evvabè, si fa tanto un gran parlare in giro di queste benedette bacche di goji che non si può proprio fare a meno di provarle! Volete la verità? Sono davvero molto buone!
E dato che hanno l'aria di essere il "prodotto fighetto" del momento, abbandoniamo le arzigogolate tecniche del cake design e per dispetto diamo un tocco rustico al nostro dolce. Colori naturali, niente creme, solo (solo???) un fragrante muffin fatto apposta per allietare una bella colazione, magari a base di cappuccino!

Ormai la praticità delle teglie in silicone è riconosciuta, se a questo aggiungiamo le innumerevoli forme in cui queste teglie vengono declinate, la tentazione di acquistarne almeno una diventa sempre più forte. Spesso però questi stampi fantastici sono molto lavorati e pieni di incavi insidiosi e se non abbiamo la ricetta giusta rischiamo di combinare un bel pasticcio e non trovare alcuna corrispondenza tra la torta che abbiamo fatto e lo stampo che abbiamo scelto di usare.
Visto che oggi è il 6 gennaio, (a proposito, AUGURI BEFANE!!!) ne ho approfittato per rispolverare una teglia bellissima a forma di calza, perfetta per quest'ultima festività (che tristezza, domani si torna tutti alla solita routine).
L'impasto della torta che ho preparato è incredibilmente soffice e tiene perfettamente la forma dello stampo, ho pensato di decorarlo con dei gel colorati edibili che si trovano facilmente in commercio e dato che si tratta della mia prima vera torta decorata spero che il risultato abbia premiato il mio impegno. Credo che la ricetta possa esservi utile... dunque, eccola qui!