Oh Paris... Paris! Che settimana intensa!
Parigi è una città meravigliosa, e nonostante il privilegio di potervi passare una settimana intera, non sono riuscita che a vederne una minima parte. Mi toccherà il sacrificio di doverla visitare nuovamente! ;-)

Parigi è un'esperienza che val la pena fare, la gente è accogliente, saluta e ringrazia di continuo.
Merci, bonjour, merci, bonjour, merci, bonjour. Credo di averlo detto e di averlo sentito dire almeno un migliaio di volte!
Tutti fanno quattro chiacchiere volentieri e ovunque, i parigini sanno prendersi il loro tempo, sanno fermarsi e godersi le innumerevoli possibilità che la città offre in estate.
Di certo Parigi non accetta lezioni di pasticceria da nessuno. La prima colazione resta il momento di golosità per eccellenza e non mancano in ogni angolo croissant e baguette appena sfornati.
Ma nonostante tutte queste piacevolissime distrazioni, ho svolto i miei compiti: sono andata alla ricerca delle cupcakerie che per ovvia mancanza di tempo non ho potuto visitare nel viaggio precedente.
Eccole qui!
Clicca sul titolo per continuare a leggere...

Non avevo intenzione di fare un biscotto simile al Grancereale, ma di fatto è praticamente identico, solo leggermente più burroso e molto più sano perchè preparato a casa con ingredienti sicuri.
Qualche giorno fa compro un sacchetto di fiocchi d'avena bio, con l'intento di farci non so che cosa, ma di lì a poco, l'illuminazione.
C'era il fondo di un sacchetto di farina integrale che piangeva disperato, prima che diventasse cibo per farfalline da dispensa, dovevo salvarlo, ed ecco qua i biscotti!

Sono davvero deliziosi, perfetti al mattino, soprattutto per chi, come me, ama il caffè lungo americano e l'orzo.
Si prestano anche a diverse varianti: con gocce di cioccolato per i golosi, o con mirtilli secchi oppure uvetta, con bacche di goji o anche con 20 gr di farina di cocco usando 180 gr di farina integrale. Sono divini anche con nocciole tritate grossolanamente. Insomma, scegliete la variante che più vi stimola le papille, ma provateli!

Le ciliegie sono tante e tu cosa ci fai?
La prima cosa buona è farne una cherry pie!
(Liz)

Più che una ricetta della cherry pie, ho optato per una versione mini: Mini pies alle ciliegie e pesche nettarine, ugualmente deliziosa e più sfiziosa.
Poi per par condicio, visto che il quantitativo di frolla è perfetto per 6 pies con relativa copertura, ho deciso di farcirne 3 con ciliegie e 3 con pesche nettarine.
Lo so che in foto ne vedete solo 4, ma le due mancanti alle pesche le ho mangiate!

Lo stile è quello delle torte di Nonna Papera. Quanti Topolino ho sfogliato cercando di immaginare che sapore avessero quelle crostate fumanti, panciute, con quegli occhielli aperti che ti lasciavano intendere che fossero piene zeppe di frutta!
Ci sono voluti trent'anni o giù di lì, ma ora il mistero è risolto, e io me lo godo tutto!
Clicca sul titolo per leggere la ricetta...